Zum Inhalt springen
03.04.2020

Come conservare al meglio gli alimenti

LagerhaltungObst_Gemuese.jpeg

Frutta e verdura 

Ogni tipo di cibo, frutta, verdura, latticini o carne che sia, ha regole di conservazione diverse. La durata di ciascun alimento è determinata dall’ambiente, per esempio dalla temperatura e dall’umidità; dunque, è la tipologia di prodotto a determinare il luogo più corretto per la sua conservazione, che può essere la cantina, il frigorifero o un cesto a temperatura ambiente. Abbiamo raccolto per voi alcune informazioni utili sulla conservazione di frutta e verdura, per aiutarvi a prolungare il più possibile i tempi di conservazione. In questo modo potrete ridurre gli sprechi, potrete andare a fare la spesa con minore frequenza, oltre a risparmiare denaro e disporre più a lungo di frutta e verdura fresca e gustosa. 

Frutta! Frutta! Frutta! 

Se è priva di ammaccature, se non ha la buccia rovinata e se il picciolo non è secco o marrone, la frutta si mantiene più a lungo. Pere con ammaccature o mele con la buccia un po’ rovinata ma acquistate da poco non rappresentano un grosso problema: la frutta è buona e gustosa da mangiare anche se ha piccolissimi difetti. :-)

È utile distinguere fra due diverse tipologie di frutta:

  • frutti che si maturano anche dopo essere stati raccolti, per esempio: pere, mele, banane, fichi, avocado, mango, kiwi, nettarine, pesche, albicocche, ananas e prugne
  • frutti che non maturano se vengono staccati dalla pianta, per esempio: lamponi, fragole, more, uva, ciliegie, angurie, agrumi, melagrane

Frutti da tenere separati!

Esistono dei frutti che producono etilene, un gas naturale incolore e inodore che accelera il processo di maturazione di alcune varietà di frutta. Quindi, se desiderate prolungare la conservazione di frutta e verdura, ricordatevi di conservare quelle che producono gas lontano da tutto il resto. 

  • Alcune varietà di frutta sensibili all’etilene sono: pere, banane, mango, angurie, agrumi e kiwi
  • Alcune varietà di frutta che producono etilene sono: mele, mango, banane, nettarine, melone giallo, albicocche, pesche, prugne e avocado

Cesto, cantina o frigorifero

In linea di principio, si può dire che tutte le varietà di frutta non autoctone, soprattutto quelle che provengono da zone con clima più caldo, non amano il freddo. Le varietà di frutta locali sono invece in grado di resistere abbastanza bene a basse temperature.

  • Cesto: frutta tropicale, frutta con i semi, come mele e pere (è meglio conservare in cantina quantità più grandi di questi tipi di frutta), frutta con il nocciolo come nettarine e pesche, oltre che agrumi
  • Frigorifero: bacche e frutta con nocciolo
  • Cantina: grandi quantità di frutta con i semi

Suggerimento: sarebbe meglio togliere la frutta dal frigorifero mezz’ora prima di consumarla. In questo modo, il suo aroma si dispiegherà meglio e sarà molto più buona da mangiare. 

Verdure! Verdure! Verdure! 

La prima cosa importante da ricordare è che frutta e verdura non vanno molto d’accordo, per questo dovrebbero essere conservate l’una lontana dall’altra! 

Non a caso si parla di scomparto per le verdure! 

Tutto quello che proviene dai nostri campi sta bene in frigorifero. Si fa presto a capire: se è coltivato vicino a noi, può essere messo in frigorifero! :-) Spinaci freschi, valerianella, sedani, cipollotti, barbabietole rosse, cetrioli, finocchi, diverse varietà di cavolo e anche broccoli amano il freddo. Per proteggerli meglio ed evitare che avvizziscano, metteteli all’interno di un sacchetto di carta. 

Pomodori, peperoni, melanzane e anche zucchine preferiscono invece temperature più miti. La temperatura ideale per loro sarebbe 13 °C. Il pomodoro dovrebbe rimanere separato da tutto il resto: a causa della grande quantità di etilene che sprigiona, sarebbe opportuno tenerlo lontano da altre tipologie di verdure. 

Verdure come patate e cicorie preferiscono luoghi bui e freschi, per questo, il posto ideale per conservarle è la cantina. Se avete anche delle mele in cantina, assicuratevi che siano lontane dalle altre tipologie di frutta e verdure. L’etilene delle mele farebbe accelerare il processo di maturazione, sebbene la conservazione in cantina sia corretta. 

Posso lavare e tagliare frutta e verdura? 

Non lavate frutta e verdura prima di riporla: si formerebbe troppa umidità e il deterioramento sarebbe più rapido. Il lavaggio deve avvenire poco prima dell’uso e del consumo. Per questo è consigliabile, per esempio, conservare le patate senza eliminare la terra, così da garantire una durata di conservazione più lunga.

Alcune verdure rimangono fresche più a lungo se “si taglia loro il ciuffo”: carote, barbabietole rosse, ravanelli e altre verdure simili andrebbero private del verde prima di essere riposte. È anche utile rimuovere il gambo dai pomodori. La parte verde, infatti, assorbe acqua dalla verdura, che così appassisce più velocemente. I cipollotti, per esempio, se privati del loro verde, si conservano in frigorifero il doppio del tempo.

Consiglio: eliminate la parte verde dello scalogno e utilizzatelo per cucinare. Mettete i gambi in un bicchiere e riempitelo di acqua, che cambierete tutti i giorni: dopo un paio di settimane il verde fresco sarà ricresciuto. :-)

Buon divertimento con la conservazione di frutta e verdura, ma soprattutto con la preparazione e la consumazione!

© NGV mbH, Fotografia: TLC Fotostudio
Salva la ricetta tra i Preferiti.
Ricetta di
Monsieur Cuisine
Torta di ananas e carote
MC plus
12 fette
Minima
Pronto in: 1:00 Std.
Tempo di preparazione: 20 Min.
Torta di ananas e carote
© NGV mbH, Fotografia: TLC Fotostudio
Ciao! Questa è una ricetta CookingPilot.
Salva la ricetta tra i Preferiti.
Ricetta di
Monsieur Cuisine
Involtini di melanzane
MC connect
10 pezzi
Minima
Pronto in: 0:45 Std.
Tempo di preparazione: 10 Min.
Involtini di melanzane
© NGV mbH, Fotografia: TLC Fotostudio
Ciao! Questa è una ricetta CookingPilot.
Salva la ricetta tra i Preferiti.
Ricetta di
Monsieur Cuisine
Frozen yogurt con mango e ciliegie
MC connect
4 porzioni
Minima
Pronto in: 2:15 Std.
Tempo di preparazione: 15 Min.
Frozen yogurt con mango e ciliegie